L’agglomerato urbano corporeo.
L’urbe in agglomerati urbai corporei:
membrane bicolore;
catetere esofageo rinfocilla,
eiacula pasticche.

Vecchia catacomba pulsante al contatore elettronico
da blister in blister, da cartone in cartone

l’involucro sugante, il brodo dei cartoni
rimasugli di fast foods.

Nella metropoli notturna
dalle lastre lucide
(epistassi monsonica)
specchiano il percolato.

Grembiuli impermeabili nel buio di Oslo,
abbandonarsi a ridosso di un bidone:
piroclastico, dopo l’ultimo drink,
dagli occhi chiari agiti lattina alcolica.

Succhiamo insieme con la cannuccia questa pozzanghera?
Mi aggungi alla tua wantlist
in preda a un collezionismo pulsionale.
La notte in cui la polizia dorme
l’odore del cartone sugante della metropoli
a fianco al pattume del fast foods
rimasuglio urbano di sughi d’hamburger.

Come il rosso dell’uovo incastrata del grigio del corpo,
le gambe stese al cielo.

Un po’ di quello che vuoi,
del muggire che ti piace tanto del rombo dei motori;
spalancata cassonetto. Getti nell’incavo altre lesioni
strette come tesori rovinati
con l’ebbrezza della morsa decisa, durissima.
Schiaccia tutto senza discutere.
Tutto cosi piccolo a parte te.
E avrai il tempo di rendermi più morbida piegandomi e stringendomi.

Andare via, lontano. Tutte quelle cose che vorresti togliermi
e che vorrei che tu mi togliessi
per essere felice con te.

Le pustole delle croste grattate via lontano
corpo giostre colorate contorni nomi dimenticati spericolati sacri
incisi denti vomito asfalto marciepiedi: gli dèi fugiti nei tombini
così come scarafaggi impauriti, dimenticati facile come i liquami che scolano
grattando le pustole che piangono rosso sporco
via, lontano dall’efeba pelle, ragazza fuoriposto.
Sento le gocce senza mentire sotto le unghie sporche di terra.
Dentro un velo lieve, cambiata fin dentro
chiusa in una gabbia stretta
dentro una scatolina rosa
a fianco i lividi,
dietro la schiena nuda
morbida e ammanettata.

Flae Dissa

 

Disaster Poets

Visutalizza tutti i post

Aggiungi un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *